Introduction

UNA MANO PER L’AMBIENTE

UNA MANO PER L’AMBIENTE

Nel contesto del territorio a ovest di Torino servito da Cidiu, il dialogo immaginario tra una mano e una signora fatta di abiti usati si sviluppa in 14 clip video che riflettono su piccoli e grandi gesti quotidiani con cui ciascuno può contribuire a proteggere l’ambiente.

ll riuso, lo scambio, il dono o la riparazione sono ottime abitudini per ridurre i rifiuti, così come limitare il più possibile l’usa e getta, evitando ad esempio di acquistare imballaggi e oggetti destinati in breve tempo a finire nella spazzatura. Anche la creatività gioca un ruolo importante per dare nuova vita a ciò che diversamente avremmo buttato.

Nella corretta gestione dei rifiuti tessili, è importante acquistare solo il necessario, donando, scambiando o vendendo quello che non usiamo più. Quando proprio è arrivato il momento di buttare, possiamo ancora fare la raccolta differenziata usando gli appositi cassonetti stradali e avendo cura di introdurre solo ciò che è ammesso per facilitare la successiva gestione del materiale.

I due protagonisti si confrontano poi sulle diverse tipologie di abbandono dei rifiuti: tutte impediscono ai materiali di entrare nel circuito della differenziata e rappresentano un costo in termini sia di decoro urbano sia di risorse necessarie per la pulizia. Nel littering, il gesto frequente di abbandonare a terra piccoli rifiuti in spazi pubblici, il mozzicone è il più abbandonato, benché il suo posto dovrebbe essere il contenitore dell’indifferenziato o, in alternativa, il posacenere tascabile. Disfarsi di oggetti di grandi dimensioni in luoghi isolati, ma anche lasciare i rifiuti domestici fuori dai cassonetti stradali rappresentano forme di abbandono per cui diventa necessario l’intervento di mezzi e squadre aggiuntivi rispetto a quelli previsti nella regolare attività di igiene urbana.

I video si possono guardare sul canale YouTube del Gruppo Cidiu e vengono proposti sulla pagina Facebook dell’Azienda con l’hashtag #unamanoperlambiente.